Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
11 novembre 2013 1 11 /11 /novembre /2013 21:08

"Entro certi limiti è proprio vero che meno denaro si ha, meno ci si preoccupa. Quando si hanno cento franchi, si è soggetti ai più vili timori. Quando se ne hanno solo tre si è del tutto indifferenti, perché tre franchi vi nutriranno fino a domani, e col pensiero non riuscite ad andare oltre. Siete preda della noia, ma non della paura. Pensate vagamente: 'Fra un paio di giorni morirò di fame: terribile, non è vero?'

E poi la vostra mente se ne va altrove. Una dieta a pane e margarina, entro certi limiti, è di per se stessa un calmante.

E c'è un'altra sensazione che dà grande conforto nella miseria: una sensazione che tutti quelli che sono stati poveri in canna hanno provato, credo.

E' la sensazione di sollievo, quasi di piacere, che dà il sapersi, infine, veramente allo stremo. Tante volte si è parlato di andare in rovina; ed ora eccola qui la rovina, ci si è arrivati e si è in grado di sopportarla. E questo elimina un sacco di angosce."

 

Senza un soldo a Parigi e a Londra è un libro scritto nel 1933 da George Orwell, scrittore britannico. L'autore racconta in prima persona l'esperienza della povertà, della fame e degli stenti patiti durante il suo soggiorno a Parigi e a Londra.

 

Consigliato per tutti i gusti.  

Condividi post

Repost 0
Published by Marzio
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Inviti alla lettura
  • Inviti alla lettura
  • : Inviti alla lettura di libri, romanzi, racconti, poesie e molto altro ancora.
  • Contatti